la fotografia
Passioni

La Fotografia.

Qui a Cas’E amiamo la fotografia. La fotografia è un’arte democratica.


Quel lento guardare che ogni tanto ci consente di fermare momenti insoliti.

Osservare le cose pensando “questa potrebbe essere una bella fotografia”.

Non sentire però l’esigenza di fare sempre clic, anzi… amiamo fermarci quando ciò che abbiamo davanti è così bello da dover essere ricordato solo con il cuore.

Oliviero Toscani

La foto che segue è lo specchio di questo tempo, la accompagniamo con un intervista ad Oliviero Toscani, formulando anche un invito: mettete via i telefoni, armatevi di una macchina fotografica e provate a cercare il momento giusto, solo quello, per scattare la vostra foto.

Basta teleguidare un drone per rubare foto da tutte le prospettive o tirare fuori da una tasca uno smartphone per fare un click del mondo che ci circonda. Facciamo foto come prendevamo appunti a scuola, archiviamo istantanee con una frequenza smisurata rispetto anche alla nostra voglia di ricordare.

E così viene meno lo sguardo, l’osservazione. Ci sentiamo tutti un po’ fotografi, ma l’arte dello scatto è tutta un’altra cosa. O almeno così la pensa chi della fotografia ha fatto una professione a cinque stelle.

“Oggi tutti sanno scrivere e leggere, ma non sono aumentati i poeti – dice all’Adnkronos Oliviero Toscani – “la fotografia è l’arte in cui tutti pensano di essere bravi, perché è più facile fotografare che parlare e scrivere, così si sentono tutti un po’ artisti. Io trovo sia fantastico, quest’arte così democratica”.

E’ chiaro però, sottolinea Toscani, che “non è più sufficiente fare fotografie per essere un fotografo”, e spiega: “Una matita ce l’ha in mano un analfabeta e scrive quattro crocette, ce l’ha in mano Einstein e scrive la legge della relatività”.

Selfie

Nell’era degli smartphone e dei social network le immagini vengono prodotte ovunque e continuamente ma al di là delle classiche foto frontali a farla da padrone, a scapito del tradizionale e ormai superato autoscatto amatoriale, è il selfie.

“Mentre Warhol diceva tutti vogliono essere famosi per un quarto d’ora, ora tutti vogliono un selfie – sottolinea Toscani – Noi saremmo ricordati per le fotografie che avranno fatto di noi, ognuno è la fotografia che è.

La fotografia è ormai la realtà, non c’è più la realtà, c’è la fotografia, la realta’ riportata nell’immagine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *